Il punto di vista della Scienza Cristiana sulle vaccinazioni e la salute pubblica

Tutte le persone responsabili si preoccupano di ciò che riguarda la salute pubblica e la sicurezza, compresi gli Scientisti Cristiani. Grati di vivere in comunità in cui tutte le differenze, se oneste, vengono rispettate, gli Scientisti Cristiani sono anche consapevoli dell'obbligo che hanno tutti i cittadini di rispettare i diritti altrui nelle proprie comunità.

Per più di un secolo la nostra religione ha raccomandato il rispetto delle autorità per quanto riguarda la salute pubblica e l'obbedienza scrupolosa alle leggi vigenti nel proprio paese, incluse quelle sulle vaccinazioni obbligatorie. Gli Scientisti Cristiani riferiscono i casi di sospette malattie contagiose, rispettano il periodo di quarantena e cercano di collaborare per quanto riguarda le misure ritenute necessarie dai funzionari della sanità pubblica. Consideriamo tutto ciò come una questione di etica di base della Regola d'Oro e di amore basato sul Nuovo Testamento.

Per quanto riguarda la questione dell'esonero dalle vaccinazioni secondo la legge, il punto di vista degli Scientisti Cristiani può risultare originale. In passato, molti funzionari pubblici hanno ampiamente appoggiato gli esoneri se non si riteneva potessero essere considerati fonte di pericolo per la comunità. Negli anni più recenti però, con il grande aumento di coloro che reclamano il diritto di non vaccinarsi, le preoccupazioni in relazione alla tutela della salute pubblica sono decisamente aumentate. Gli Scientisti Cristiani riconoscono la serietà di tali preoccupazioni.

Normalmente la maggior parte dei membri della chiesa si appoggia alla sola preghiera per guarire. Si tratta di una pratica spirituale assunta con estrema serietà e di un modo di vivere che per noi ha significato molto, anno dopo anno. Perciò abbiamo apprezzato molto la possibilità di essere esonerati dalle vaccinazioni, usando coscienziosamente e con responsabilità questa opportunità, quando ci è stata accordata.

D'altra parte la nostra pratica non è una questione dogmatica. I membri della chiesa sono liberi di fare le loro scelte nelle decisioni della vita, nel rispetto della legge, anche per quanto riguarda se farsi vaccinare o meno. Non si tratta di decisioni imposte dalla loro chiesa.

La polemica pubblica sulle vaccinazioni ha causato opinioni forti — e divisioni forti — per le diverse questioni in causa relative alla salute pubblica e alla tolleranza verso le diversità. Qualunque possa essere la risposta giusta per ogni comunità, gli Scientisti Cristiani sperano che la loro lunga esperienza di minoranza religiosa che collabora con la maggioranza sociale possa portare a soluzioni basate sul mutuo rispetto e comprensione nell'interesse di tutti.

E soprattutto, speriamo che la nostra attenzione e i nostri sforzi collettivi possano promuovere la salute pubblica e la guarigione di tutti coloro che sono stati colpiti da malattia e contagio nel mondo.


Questo articolo è anche disponibile nelle seguenti lingue:   DEUTSCH  | ENGLISH  | ESPAÑOL  |  FRANÇAIS  |  PORTUGUÊS